Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Il VAR

17 Marzo 2022

Da qualche anno è entrato anche nel mondo del calcio uno strumento che dovrebbe aiutare i direttori di gara in alcune situazioni decisive: il VAR.

Il Video Assistant Referee altri non è che una coppia di ufficiali di gara che collaborano col direttore di gara in campo grazie all'ausilio di diversi filmati: un assistente arbitrale, l'Avar, e un arbitro effettivo, in attività o ritiratosi.

Ma, in quali casi può esere utilizzato il var? In realtà sono solamente 4 le situazioni che possono essere sottoposte all'ausilio dei video:

1. assegnazione di un gol

2. assegnazione di un calcio di rigore

3. espulsione diretta

4. errore di identità

Il funzionamento è semplice: Var e Avar informano l'arbitro dell'episodio dubbio, lo analizzano spiegando al direttore di gara quello che è successo e quest'ultimo può decidere se andarlo a rivedere o meno per confermare con variare la sua precedente decisione.

La FIGC è stata una delle prime federazioni a utilizzarlo assieme a un altro strumento completamente obielttivo che è la goal line technology, la FIFA ha approvato l'uso del Var nel 2016  e ora viene usato anche nelle competizioni internazionali.

Detto ciò dobbiamo però evidenziare come, questo strumento abbia decisamente variato gli esiti di qualche gara, ma spesso è stato oggetto di controversie in merito al suo "utilizzo". Sia nel cmapionato Italiano, ma anche e soprattutto in ambito internazionale abbiamo assistito spesso a un non utilizzo del Var da parte dell'arbitro anche nel caso in cui venga comunicato un episodio dubbio. Spesso si è richiesto infatti una maggiore regolamentazione soprattutto in merito al caso in cui il direttore di gara venga "richiamato" dal Var su qualche accadimento: si è chieso infatti che in questi casi l'arbitro non abbia la discrezionalità di scelta sull'andare a vedere l'episodio. La decisione finale comunque spetta all'arbitro, ma in caso di dubbio sollevato dal var, la visione da altre angolazioni, sa un altro "punto di vista", potrebbe essere veramente utile!!!

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout

Dal blog di CalcioScout