Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

I crampi muscolari nel calcio

21 Febbraio 2021

Spesso ci capita di vedere mmagini di giocatori presi da crampi come quella qui a fianco  , sia a noi come addetti ai lavori, a noi come appassionati di calcio e a voi come calciatori.

Molti si immedesimeranno in questa foto e a molti di voi sembrerà di rivivere quel dolore acuto che ci prende in modo improvviso e momentaneo in un momento di fatica, il crampo muscolare.


Che cosa sono i crampi muscolari?

I crampi muscolari si presentano come una contrazione muscolare e si manifesta con un dolore acuto che ci costringe a interrompere nell’immediato l’attività sportiva. Per quanto riguarda uno sport come il calcio, la maggior parte dei crampi si presentano a livello degli arti inferiori, in particolar modo la muscolatura femorale e del polpaccio. Questa contrazione intensa e involontaria ci porta in maniera riflessa e immediata ad allungare la muscolatura soggetta.

Perché? Quali sono le cause?

Non argomenterò i vari processi biochimici che avvengono. Le ipotesi formulate sono tante e non c’è una causa univoca ma un insieme di fattori, e variano da individuo a individuo.

La causa principale è la fatica, ecco perché avvengono quasi sempre al termine di una partita o nei minuti extra time, tempi supplementari.

La fatica è data da mancanza di allenamento, da mancanza di volume di allenamento e di preparazione. Questo spiega il motivo per cui i giocatori più soggetti a crampi sono giocatori fuori forma o al rientro con pochi minuti nelle gambe (volume di lavoro).

La fatica inserita in un contesto climatico caldo umido aumenta l’insorgenza di crampi concatenandosi con un discorso di idratazione (sbilanciamento del livello di idratazione in base alla concentrazione elettrolitica).

Come prevenirli?

  • Aumentare progressivamente i carichi di lavoro: intensità e volume.

  • Praticare esercizi di riscaldamento e di allungamento lavorando sulla globalità della muscolatura.

  • Dieta equilibrata con il giusto apporto di sali minerali (in primis potassio e magnesio) e una buona idratazione (prima, durante e dopo l’attività).

  • NO alcolici.

  • Evitare scarpe e calzettoni troppo stretti, favorita la circolazione sanguigna.

Cosa fare se colpiti da crampi?

Allungare la muscolatura coinvolta per più di 30’’ e se possibile massaggiare la muscolatura contratta favorendo il rilascio della muscolatura coinvolta.

 

Niglia Adriano 

Fisioterapista

 

Gallery: 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout

Dal blog di CalcioScout