Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Imparare a pensare…non imparare il pensiero

14 Febbraio 2021

Nel considerare fondamentale nel nostro lavoro saper fare quello che serve…non quello che si sa, ritengo indispensabile abbandonare la pessima abitudine di “copiare” il pensiero di qualcun altro cercando invece di trovare spunto da esso per sviluppare uno proprio.

L’osservazione del portiere che si allena è alla base di un buon progetto di lavoro.

Il compito più importante ma sicuramente anche il più difficile per un allenatore dei portieri, è riuscire a capire cosa serve e quali sono gli aspetti da prendere in considerazione per aiutare il portiere che si allena a migliorare e ad acquisire le abilità necessarie per svolgere nel miglior modo possibile una performance.

Il fatto che una programmazione di una stagione abbia dato buoni risultati con un portiere non significa che se riproposta con un altro portiere darà gli stessi risultati.

Ogni persona è diversa dall’altra, ogni portiere è diverso dall’altro.

NOI siamo diversi.

Ogni stagione ha le sue caratteristiche.

Imparare a pensare aiuta a rimodulare i lavori e a personalizzare le programmazioni.

Imparare i pensieri senza sviluppare il proprio aiuta……non lo so…non credo possa aiutare.

 

Emanuele Maggiani

Preparatore dei Portieri 

 

 


 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout