Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

La proposta di Adani per salvare il calcio dilettantistico

05 Novembre 2020

Per il calcio dilettantistico italiano non è di certo un bel momento e non serve un visionario per capirlo. Lo stop deciso dal Governo mette in serie difficoltà molte società, che ora brancolano nel buio e a malapena possono organizzare i prossimi mesi.

C’è un evidente problema economico, per il quale bisogna ricorrere ai ripari per aiutare le tante squadre del nostro Paese. Un’idea arriva da Daniele Adani, ex giocatore di Inter ed Empoli, tra le altre, e attualmente opinionista a Sky Sport. In diretta Instagram con Bobo Vieri, l’ex difensore ha proposto infatti una soluzione per supportare il calcio dilettantistico: “Dobbiamo rispettare - dice - e dare un abbraccio al calcio dilettantistico. Perché l’anno scorso ‘i nostri colleghi’, perché tutti abbiamo iniziato da lì, erano 365.034 nelle varie categorie dilettantistiche mentre 680.531 erano i giovani delle scuole calcio o settori giovanili dilettantistici. Quindi, per la stagione 2019/2020 il totale di iscritti è stato di 1.045.565, oltre un milione di persone che fa parte di questo grande ed importante mondo. L’unico modo per salvare il calcio dilettantistico è che i giocatori di Serie A vanno a tassare il loro stipendio del 5% e lo donano ‘con grande gioia’ ai dilettanti, perché nessuno li aiuta”.

“Con questo gesto - ha spiegato Adani - loro salvano sé stessi, perché tutti sono partiti da lì e tanti ci tornano. Quando il calcio a certi livelli finisce, molti tornano nel paese, facendo da esempio per gli altri, creando scuole calcio ed accademie, selezionando allenatori e svolgendo tanti altri ruoli. Se non sostieni il calcio che è territorio, finisce tutto. I calciatori sono i protagonisti. Lo spettacolo passa da loro, loro devono dare voce a chi non ha voce. Devono creare un sistema che aiuti il calcio in città, in provincia, in oratorio. A certi livelli non è un 5% che fa la differenza, però per il calcio dilettantistico un 5% è tanto. Il calcio è di tutti, sosteniamolo insieme".

Adani: “Tassare il 5% dello stipendio dei professionisti per salvare il calcio dilettantistico”. Siete d’accordo?
Rispondi al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Redazione CS.

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout