Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Mission Impossible: Protocollo anti-Covid

14 Ottobre 2020

Andrea Agnelli, nel commentare la non partita tra Juve e Napoli, ha fatto riferimento più volte al protocollo. Ma cos’è questo protocollo?

Quello adottato dall'Italia, mediato da quello della Bundesliga, prevede tamponi periodici nell’arco della settimana e soprattutto uno 48 ore prima della gara: chi risulta negativo può giocare. In caso di caso di positività, il giocatore si isola e passa sotto l’egida dell’Asl (come successo a Napoli): 14 giorni di quarantena e doppio tampone prima di tornare nel "gruppo squadra" mentre per il resto della squadra tamponi ogni 24 ore per 14 giorni coi negativi che escono dal ritiro solo per andare a giocare.

In casi eccezionali (si spera) come quello del Genoa, con quasi tutta la squadra positiva, si è posta una norma ad hoc, con l’introduzione del protocollo Uefa anche qui da noi. Ciò prevede che si possa disputare la partita quando una squadra abbia almeno la possibilità di schierare 13 giocatori compreso un portiere. Inoltre, ogni club che si ritrova con dieci o più calciatori contagiati avrà la facoltà di chiedere il rinvio della partita, ma potrà farlo una sola volta nell’arco di tutta la stagione. Qualora la squadra decida di non scendere in campo, si procederà con l’assegnazione della sconfitta per 0-3 a tavolino.

Alla Gazzetta dello Sport ha parlato Ranieri Guerra, il vicepresidente dell’Oms, soffermandosi sull'ipotesi di una 'bolla' in stile Nba e sul protocollo attualmente in vigore. "Al momento della prima ripresa si parlò della 'bolla', ma si disse che non tutte le squadre avevano a disposizione una struttura per realizzarla. Dico che il protocollo va aggiornato man mano che i numeri cambiano. Bisogna essere flessibili e applicare tutte le indicazioni che saranno suggerite dalla situazione epidemiologica. Siamo in attesa di proposte dal parte della FIGC: il calcio non è un mondo a parte, vive nella società e purtroppo questo virus è in forte crescita”.

Covid-19: riuscirà a reggere il protocollo della Serie A?
Rispondi al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Redazione CS

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout