Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Ritorno allo stadio

09 Settembre 2020

“Se i numeri fossero buoni, se avessimo sostenuto con rigore e successo la prova della riapertura, per Inter-Milan del 17 ottobre potrebbe esserci del pubblico a San Siro, se ci si comporta bene” a dirlo è la sottosegretaria alla salute, Sandra Zampa, intervenuto ai microfoni di “Radio Punto Nuovo” in merito alla riapertura degli stadi.

“Gli stadi? Tante volte ho cercato di spiegare che, con l’arrivo di tanta gente, gli inevitabili assembramenti, i mezzi di trasporto, sono aspetti di grande rischio - ha proseguito Zampa - È per questo che dico che, ad oggi, sono i ragazzi italiani ad avere tra le mani il destino di questo Paese. Se sulla scuola ce la caveremo bene, potremo poi riparlare degli stadi. Riapertura degli stadi? Il 4 ottobre è un po’ presto, bisogna avere quindici giorni di valutazione”.

Se tutto dovesse andare bene, quindi, fra poco più di un mese si potrebbe tornare allo stadio, seppur con capienza ridotta. Non si tratterà quindi di un ritorno completo alla normalità, ma il calcio potrebbe finalmente tornare a riabbracciare i tifosi sugli spalti.

Tutto però dipenderà dalla questione dei contagi in Italia, che dopo le vacanze estive rimangono stabili sopra i 1000 casi al giorno. Una situazione da non sottovalutare, che potrebbe allungare i tempi anche per il ritorno allo stadio. Come ha ribadito la sottosegretaria alla salute, la scuola sarà un bel banco di prova.

Intanto in Italia qualche prova di stadio aperto sta venendo fatta, come in occasione di Parma-Empoli al Tardini (in foto). Mille tifosi hanno avuto il privilegio di vedere questa amichevole, seguendo ovviamente tutte le varie misure anti-covid: mascherina sempre indossata, biglietti venduti on line con posti assegnati e distanziati, controllo della temperatura all'ingresso e niente tornelli per permettere un filtraggio migliore del pubblico. E, alla fine, l’esperimento sembra essere pienamente riuscito.

Vedremo se sarà un caso sporadico o se fra un mese si potrà tornare davvero allo stadio.

In caso di pochi contagi, dal 17 ottobre si potrebbe tornare allo stadio. Ipotesi possibile?
Rispondi al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Redazione Cs

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout