Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

L’uscita Bassa

04 Settembre 2020

L'uscita è un requisito tecnico importantissimo nel calcio attuale.


La capacità di intervenire al di fuori della propria "casa", così come è sempre stata definita la porta e lo spazio immediatamente davanti ad essa, è diventata una prerogativa indispensabile per il portiere moderno e, nella scelta dell'estremo difensore, è una componente sempre più determinante.

Le difficoltà nel rendere il più possibile efficace tale gesto sono enormemente aumentate negli ultimi anni e tendenzialmente sono in crescita.

Le difficoltà che si incontrano sono dovute principalmente a:

- La velocità delle azioni di gioco e il repentino cambiamento della situazione di gioco;
- Il cambiamento strutturale dei palloni di gara che permettono una maggiore velocità di esecuzione del tiro, oltre ad aumentare la velocità della palla stessa e creare traiettorie più imprevedibili.


Ne consegue che gli aspetti più importanti sui quali basarsi nell'allenamento, oltre a quelli puramente tecnici, siano a mio avviso tre:

  1. La valutazione delle traiettorie e della velocità della palla in tempi brevi;

  2. La posizione di partenza;

  3. La predisposizione mentale ad anticipare lo scatto in uscita.



Per questo motivo, data la grande varietà di situazioni possibili, è bene riproporle tutte in allenamento.

La ripetizione costante aiuta sicuramente a migliorare nella valutazione delle traiettorie e della velocità della palla, oltre che a memorizzare gli schemi motori e di comportamento adatti nelle varie situazioni. (personalmente inserisco esercitazioni per le uscite almeno due volte la settimana).
Predisporsi mentalmente ad anticipare lo scatto in uscita significa non trascurare nemmeno di un centimetro la posizione da assumere, significa prepararsi mentalmente a scattare in uscita già prima che l'avversario calci la palla, "rubare" al tempo di reazione necessario per passare dalla situazione statica a quella dinamica e, naturalmente, cercare di capire cosa sta succedendo, "leggere" la situazione, anche in funzione di compagni e avversari, per poi scegliere se e come intervenire.

Per quanto riguarda l'aspetto tecnico-tattico, senza entrare in dettagli specifici, i presupposti per l'allenamento sono quelli di lavorare su:

Spostamenti e movimenti:
il modo di correre e muoversi cambia a secondo del caso, a volte si deve correre in avanti, a volte all'indietro, a volte lateralmente, a volte non serve rincorsa ma solo capacità di spinta con due o tre passi, ed è bene avere buon equilibrio e buona coordinazione per trovare l'azione più efficace.

La presa:
il modo di intervenire sul pallone cambia in base al tipo di uscita (bassa, con o senza tuffo) e prepararsi con costanza e ripetitività ai modi diversi di impattare la palla è certamente d'aiuto per automatizzare i vari casi e ridurre il rischio di un intervento difettoso, tenuto conto che le difficoltà nascono spesso dal "tipo" di palla in arrivo (radente, rimbalzante, ecc.) e non sempre c'è la possibilità di scegliere se aspettare un rimbalzo o meno.

Dove indirizzare la palla:
in caso di deviazioni, respinte o retropassaggi è bene avere delle concezioni chiare in testa, anche schematizzate, piuttosto che affidarsi al caso,

Come comportarsi nelle uscite 1<1:
il comportamento varia in base alle diverse situazioni, se il portiere è in vantaggio sull'avversario, in svantaggio oppure se arriva a contrasto, in base alla direzione di corsa dell'avversario e della palla.

Entrando in qualche modo nei dettagli, anche se è molto più semplice discuterne in campo quando si provano le varie situazioni, valutando le diverse distanze e angolazioni, alcuni particolari su cui porre l'attenzione durante l'allenamento sono:

- la posizione di partenza è più o meno avanzata rispetto alla linea di porta in base alla posizione della palla, cosa che vale anche per la postura più o meno "alta".

- La posizione dei piedi nella preparazione all'uscita ha la sua importanza; se il portiere si sta preparando per uno scatto in avanti (per esempio uscita su passaggio o lancio in profondità da parte dell'avversario) devono essere posizionati uno più avanti dell'altro, secondo me non paralleli, per facilitare lo sprint in avanti

Possibilmente sarebbe bene eliminare o ridurre il più possibile i "balzelli" che frequentemente vediamo fare ad alcuni portieri in procinto di uscire, se il cross parte nel momento in cui il portiere è sospeso con i piedi da terra avrà già perso una importante frazione di tempo per scattare.

- La posizione da assumere in vicinanza del primo palo, su cross dal fondo campo, deve essere valutata in base alla distanza della palla, avvicinandosi al palo stesso fino ad arrivare anche leggermente più avanti, ma non troppo, per essere in grado di recuperare almeno una porzione di porta nel caso di passaggio al centro da parte dell'avversario.

- Nel caso di una uscita con tuffo in avanti, su palla bassa frontale, prestare cura allo "strisciamento", alla distensione delle braccia e alla protezione della palla.

- Nel caso di una uscita in situazione di 1<1 spesso è preferibile orientare il corpo verso il lato stesso da cui arriva l'avversario, salvo casi particolari, e comunque generalmente orientato verso il piede di calcio dell'avversario.
L' intervento in questi casi è dettato dalla situazione: se l'avversario è in vantaggio sulla palla è preferibile non dargli la soluzione tuffandosi troppo anticipatamente, meglio cercare di chiudere lo specchio di porta aspettando le sue mosse, che spesso devono essere decise in tempi molto ristretti per cui con possibilità di errore. se il portiere è in vantaggio deve solo eseguire correttamente il gesto tuffandosi sulla palla con decisione. se portiere ed avversario possono arrivare più o meno contemporaneamente sulla palla, l'estremo difensore dovrà gestire con ingegno la sua azione motoria, cercando si l'impatto alla palla, ma indirizzando corpo e braccia in modo da favorire l'impatto della palla sulle mani piuttosto che il contrario, ad evitare di colpire le gambe dell'avversario nel caso questi tocchi la palla con una frazione di tempo in anticipo, quindi per evitare il calcio di rigore.

L'atteggiamento da tenere, comunque, sarà dettato anche dalla velocità e direzione della palla, dalla velocità e direzione di corsa dell'avversario.

 

PierLuigi Sallese

 

 

 

 


 


 


 


 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout