Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Mattia De Simone: "Portiere ruolo impegnativo. Sogno un torneo internazionale in Azzurro"

29 Giugno 2020

Tra i protagonisti del mondo del football sala non ci può che essere un numero uno su tutti: Mattia De Simone, portiere della Nazionale Italiana Maschile e dell’Ispra Calcio a 5.

Ripercorriamo con lui le emozioni provate in Azzurro, ma anche ricordi e glorie vissuti nell’arco di una carriera davvero d’eccezione.

 

Come ti sei avvicinato al calcio a 5?

“Mi sono avvicinato al calcio a 5 più di 10 anni fa, quando un dirigente mi vide in un torneo estivo”.

 

Quanto è difficile il ruolo del portiere?

“È il ruolo più impegnativo in questo sport. Siamo sempre sottoposti ad errori e dobbiamo cercare di sbagliare sempre meno”.

 

Le tue doti migliori?

“Credo di essere un portiere molto bravo a chiudere lo specchio della porta e a leggere in anticipo le azioni. Poi con il passare del tempo credo di aver acquisito un'ottima tecnica individuale”.

 

Hai un idolo?

“Stefano Mammarella. Ho anche avuto la fortuna di incontrarlo come avversario, una persona umile che ha costruito tutto il suo successo sui sacrifici e sull'allenamento costante”.

 

La tua partita più bella?

“Senza dubbio Napoli-Cisternino in Seria A 2018, dove sono stato protagonista di una grande prestazione che ha permesso alla mia squadra di ottenere punti su un campo difficilissimo”.

 

Poco prima dello stop, è arrivata anche la gioia della Winter Cup con l'Ispra...

“È stata una finale bellissima, ed è stato il mio biglietto da visita per chi in FIFS ancora non conosceva il mio valore. Poi c’è da ringraziare la società Ispra per come mi ha accolto e il minimo che potessi fare era aiutarli a vincere”.

 

Invece sulla tua esperienza in Nazionale?

“Momento bellissimo, cantare l’inno e indossare la maglia azzurra. Spero di poter tornare presto in un gruppo che mi ha accolto benissimo dal primo giorno”.

 

L’emozione più grande?

“L’esordio ovviamente. Credo di aver fatto una grande gara contro la Svizzera. Spero un giorno di partecipare a una manifestazione internazionale”.

 

Obiettivo per il futuro?

“Vorrei continuare a scrivere pagine importanti della mia carriera e magari vincere qualcosa con la maglia della Nazionale”.

 

Alex Battaiola 

Gallery: 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout