Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Adieu, Maurito

03 Giugno 2020

Mauro Icardi è ufficialmente un giocatore del Psg. Lo era già stato in quest’annata particolare, ma ora lo è a tutti gli effetti: l’Inter e il club parigino hanno infatti trovato l’accordo sulla base di 50 milioni più 8 di bonus per il passaggio definitivo dell’attaccante di Rosario sotto la Torre Eiffel.

Si chiude così, in un modo che in pochi avrebbero potuto prevedere fino ad appena un anno e mezzo fa, la storia d’amore prima e di odio poi tra Icardi e l’Inter. Una storia nata nel 2013, quando la società nerazzurra vide in Mauro il giocatore giusto a cui affidare il proprio attacco e lo strappò alla Sampdoria per 12 milioni.

Un acquisto che, sul piano realizzativo, si dimostrò più che azzeccato, con Mauro che in sei anni è riuscito a segnare ben 111 gol in 188 partite. Ma alle reti, purtroppo per il popolo nerazzurro, non sono seguiti i risultati: nessun trofeo alzato e “appena” due qualificazioni in Champions.

Ma non è stata la mancanza di vittorie a far incrinare irrimediabilmente il rapporto tra Mauro e l’Inter. Troppo spesso, soprattutto nell’ultimo periodo, Icardi si sentiva al centro del villaggio nerazzurro, che poteva esistere e vincere solo grazie a lui e ai suoi gol. Lo spogliatoio interista, però, prima che di calciatori, era fatto di uomini che ad un certo punto si sono stancati della situazioni, enfatizzata, anche sotto le luci dei riflettori e della tv, dalle dichiarazioni di Wanda Nara, moglie e agente di Mauro.

In quel caso, i panni furono lavati (quasi totalmente) in casa, ma per il Mauro interista fu l’inizio della fine. La frattura diventò presto insanabile e fu inevitabile che le strade si dividessero. L’estate scorsa Icardi è stato così spedito in prestito a Parigi dove ha continuato a segnare, ma senza far emergere rimpianti nei cuori interisti.

Per l’ex capitano, prima osannato e ora detestato, non è arrivato il perdono, ma per l’Inter sono arrivati 50 milioni più 8 di bonus che lo fanno diventare la seconda cessione più alta della storia nerazzurra. Due anni fa potevano essere molti di più, ma, per una volta, saranno pochi i tifosi che ne faranno una questione di prezzo.

L’Inter ha venduto Icardi per 50 milioni più 8 di bonus al Psg. È una buona operazione?
Rispondi al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso
@abonstweet

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout