Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Play-ON

27 Maggio 2020

Gira e rigira, il pallone in Italia continua a stare fermo, anche se domani arriverà finalmente la decisione definitiva su quando si tornerà a giocare.

Intanto, nei giorni scorsi, è tornata di moda la proposta dei playoff: secondo alcuni, infatti, se dovessero esserci dei nuovi contagiati, sarebbero una soluzione immediata e rapida per concludere il campionato.

Insomma, questi playoff sono il piano B nel caso non si riuscisse a terminare regolarmente la stagione, anche se l’idea di giocarli non fa felice né i club, né le televisioni, che spingono per giocare tutte e 124 le partite che restano in calendario.

A quanto pare, i playoff si dovrebbero basare sul merito, ovvero sulla classifica al momento dello stop. Al momento c’è una sola cosa chiara: coinvolgere tutte le venti squadre per stilare, alla fine, una classifica. Quindi le prime sei per lo scudetto, le ultime sei per la salvezza e poi otto formazioni che si batterebbero per il settimo posto che, in assenza della Coppa Italia, garantirebbe la partecipazione, sino adesso più maledetta che benedetta, ai preliminari di Europa League.

Non è nulla di certo, ma in Federazione e in Lega si sta lavorando in questa direzione, che rappresenterebbe una prima volta per il calcio italiano.

Opzione playoff in caso di nuovo stop del campionato. Vi piace?
Rispondete al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Redazione CS

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout