Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Uscite basse: addentriamoci nelle loro difficoltà (2ª parte)

10 Aprile 2020

Il portiere deve anche modificare continuamente la sua posizione in relazione a situazioni di palla pressata e non pressata.

Una palla che passa da pressata a non-pressata e viceversa deve portare il nostro portiere ad apportare gli adeguati ed importantissimi adattamenti per risolvere la situazione.

Si richiede una partecipazione attiva anche in fase di non possesso, questa fase di preparazione all’intervento può essere alla portata di chiunque indipendentemente dal proprio livello tecnico/fisico/coordinativo importante è mantenere un livello sia di concnetrazione che di attenzione elevato.

Naturalmente come un difensore anche il portiere deve essere in grado di fornire le adeguate coperture preventive notando eventuali zone scoperte e nella presa di decisione deve dare una comuicazione veloce e decisa per evitare di ritrovarsi oltre all’attaccante anche il disturbo di un proprio difensore.

Nelle fase di non possesso il portiere deve fornire copertura di reparto, nella fase di transizione deve assumere una posizione preventiva adeguata e in fase di possesso palla deve essere di supporto alla squadra e deve assumere delle posizioni attive di aiuto ai propri compagni.

La fase di copertura si può avere in situazioni di palla che si sposta da:

  1. zona laterale a zona centrale
  2. zona centrale a zona centrale
  3. zona laterale a zona laterale

Per andare ad analizzare le varie fasi di copertura uno strumento importante è l’analisi video.

 Questo mezzo è molto utile per l’allenamento perchè permette al portiere di vedere e rivedersi e di poter capire realmente la situazione.

Si ricorda che la percezione delle varie situazioni è molto differente dall’interno ed esterno del campo e quindi nell’analisi delle varie situazioni è importante tenerne conto.

Si consiglia di condividere negli eventuali Micro-gruppi portieri le situazioni e chiedere ai ragazzi di analizzare e trovare eventuali particolarità. Il vedere le diverse tipologie d’intervento dei portieri evoluti attraverso brevi filmati può essere molto utile, sappiamo che esistono studi specifici sul beneficio di questa tipologia osservazione.

Quest’ultimo input può permettere di allenare la capacità di osservazione dei nostri atleti ed è sufficiente inviare micro-video e nelle giornate particolarmente avverse climaticamente o nei periodi dove si ha più tempo a disposizione, ci si possono ritagliare degli spazi per discutere assieme ai ragazzi su cosa hanno osservato.

 

.... continua

 

Andrea Brunello 

http://www.calcioscout.com/persona/andrea-brunello


 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout