Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Settore giovanile: partitine a tempo o a risultato?

28 Marzo 2020

Nella mia costante ricerca di dare stimoli sempre più importanti alle mie sedute di allenamento, mi sono imbattuto in questa domanda: esercitazioni e partitine sono più allenanti con la metodologia del tempo o del risultato?

 

Attraverso l’osservazione dei miei ragazzi ne ho ricavato la risposta!

 

Pensate ad una partita a tema… diciamo un 4vs4 con 4 sponde per ogni squadra.

Le squadre si affrontano: dribbling fulminanti, conclusioni e belle parate dei portieri!

Quando ad un certo punto scadono i 4minuti previsti per questo gioco.

Quali EMOZIONI hanno vissuto i nostri ragazzi?

Hanno percepito realmente quanto mancasse al termine?

O lo hanno capito solo nel momento in cui il mister ha fischiato la fine?

Pensate invece alla stessa partita: palla nella mischia chi arriva al 4 vince!!!!!!

La squadra dei bianchi segna subito un gol, ne arriva un altro e un altro ancora! Sentono di essere ad un passo dalla vittoria!!! Mentre i rossi temono che da un momento all’altro arrivi il gol che li condanna.

Poi, dopo un miracolo del portiere rosso, succede che accorciano il risultato… trovano il secondo e infine arriva il pareggio!!!!

Siamo 3 a 3 e poco importa chi la spunterà…

Pensate al CARICO EMOTIVO che si è creato?

Chi aveva la vittoria in pugno e l’ha vista sfumare…

Chi da una situazione ormai compromessa è riuscito incredibilmente a ribaltare!

E sul 3 a 3 ogni pallone scotta perché può essere quello DECISIVO!!!!

Immaginate Nicholas il portiere che ha salvato un gol fatto che scarica di adrenalina!

O Federico che si è divorato un gol clamoroso che rabbia avrà provato!

E la gioia di Mattia nel siglare il golden goal?

I miei ragazzi hanno risposto al mio quesito attraverso le loro esultanze marcate o i volti affranti ricreando quel clima competitivo ed intenso che si vive nelle partite che contano veramente!

Con questo non voglio farvi pensare che ogni esercitazione avrà questo andamento thriller… capiterà che la squadra riesca a rifilare 4 gol senza dare possibilità di replica agli avversari.

Però nel bilancio delle sfide sono sicuro che qualcuna accenderà gli animi, magari (aggiungo io) con la telecronaca del mister pronto ad enfatizzare i momenti salienti mettendo ancor più carne al fuoco!

Alla domanda: Non è che in questo modo nell’andamento delle sfide alcuni giocatori disputeranno un minutaggio inferiore? La gara a tempo è più precisa, non segue andamenti diversi!

Può essere!!!!!!!! Ma molto semplicemente rispondo che sarà mia competenza trovare il modo di far bilanciare il tutto (magari prolungando i punteggi di chi ha giocato meno).

In ogni caso sono pronto ad accettare questo disequilibrio pur di ottenere queste sfide al cardiopalmo dove chi vince esulta a gran voce!!!!

 

Nel mio piccolo, se qualcuno avesse bisogno di informazioni o volesse confrontarsi sono a disposizione!

 

Giuliano Dissegna

(Allenatore under 12 Lanerossi Vicenza Spa, abilitato Uefa B).

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout