Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Marco Tardelli scrive una lettera al calcio italiano.

22 Dicembre 2019

Il campione del mondo,sulle pagine de La Stampa, scrive:

"Caro Calcio ti scrivo, Così mi distraggo un po' in attesa che tra cinque giorni arrivi il Santo Natale, giorno che tutti vogliamo vivere con gioia, felicità, armonia e perché no, io vorrei anche dedicato alla riflessione su quanto ti è accaduto, anzi su quanto è accaduto nel mondo dello sport e del calcio in generale. 

Caro Calcio tu sei aggregazione, correttezza ed educazione. Tutti valori che i giovani dovrebbero assorbire come spugne e seguire nel corso della loro esistenza. Purtroppo qualche volta gli esempi che arrivano dall'alto, sono diversi. Molto spesso divisivi, egoistici ed arroganti. Segnali indirizzati verso un unico obiettivo, il potere. Che si vuole conquistare con agguati, ripicche e atteggiamenti scorretti. Questa è una strada malsana da seguire, non porta da nessuna parte, e rischia di sporcarti indelebilmente. Il rispetto, il coraggio ed il dialogo, potrebbero essere gli ingredienti giusti per ridare a te ed allo sport tutto quella credibilità che merita.

Tu hai bisogno di stabilità, e questa va trovata soprattutto nei tuoi dirigenti, spesso bravi ma distanti l'uno dall'altro. I tifosi ti vogliono limpido, meritocratico. Vorrebbero che non lasciasse dubbi sull'operato degli addetti ai lavori, ti vorrebbero bello trasparente e entusiasmante come devi essere. Noi innamorati di questo sport vogliamo vedere i gesti tecnici di Ronaldo, la favola di Gigi Buffon, l'incredibile miracolo di Gasperini con la sua Atalanta, il bel gioco del Sassuolo di De Zerbi e anche arbitri di decidere senza paura. Questi sono i segnali che lo sport deve far passare, favola, fantasia ed onestà. Ritengo davvero che tu caro calcio italiano debba riflettere su che cosa fare, su quale strada prendere per ritrovare quella competitività utile a farsi valere a livello internazionale. Ma l'unico modo per farlo è mettere intorno ad un tavolo leghe, calciatori, arbitri e istituzioni.

Ti auguro un Felice Natale con la speranza e l'amore di sempre".

C.S.

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout