Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Come funziona il modello AJAX

03 Dicembre 2019

COME FUNZIONA IL “MODELLO AJAX”

Quando si parla di calcio, che sia tra amici o tra addetti ai lavori, a vari livelli di competenza, prima o poi si finisce a parlare dell’Ajax,della sua iconicità fatta di campioni intramontabili e di giovani talenti, della sua storia e delle sue gesta.

Un modello riconosciuto universalmente come vincente, inimitabile e non esportabile, vista l’unicità che rende i Lancieri unici, nonostante gli sforzi degli altri..

Nel corso degli anni tra una generazione e l’altra la squadra di Amsterdam ha provato anche a levarsi di dosso l’etichetta che li distingue: non attingendo più al serbatoio delle giovanili.

Questa sfortunata operazione  è stata interrotta dall’arrivo di Edwin van der Sar nelle alte sfere del club.

L’attuale direttore sportivo dei biancorossi ha imposto subito l’inversione di rotta, con il ritorno alla tradizione, ai giovani calciatori da svezzare subito e lanciare nel mondo dei grandi.

Un’operazione che di generazione in generazione ha portato i suoi frutti, gli ultimi sono quelli hanno trascinato una città intera a sfiorare una finale di Champions League.

Come funziona il “Modello Ajax”?

Scrivere di come la macchina, quasi perfetta, dei Lancieri funzioni, non è impresa semplice, soprattutto per non cadere nel banale, nel già detto o lett,. cercando di evitare, il fastidioso inconveniente, paragoni inutili tra i biancorossi e le nostre giovanil senza approfondire il retaggio culturale e quello storico dei due paesi.

Probabilmente per iniziare, senza troppi fronzoli, bisognerebbe partire da un dato di fatto: l’Ajax funziona perché è molto meno poetico e romantico di quanto si pensi, con buona pace degli innamorati, io in primis, del “Profeta del Goal”.

Business in business, o money talks, scegliete voi la citazione migliore, ma la scelta di puntare sui giovani è puramente economica, Il loro compito è di sostenere economicamente la squadra

Un calciatore, se forte, non resterà mai a vita ad Amsterdam.

Egli sarà ceduto al miglior offerente, in modo da ripagare gli sforzi fatti dal club. Questa visione stride da morire con quelli che sono i sentimenti di noi tifosi innamorati del pallone.

Quindi, l’idea del calciatore idolo della folla e simbolo della città è un archetipo che a quelle latitudini non conoscono.

Un ragazzo va aspettato fino a un certo punto.

Nell’accademia dei Lancieri è facile spiccare, se si hanno le giuste doti, ma fallire è altrettanto semplice.

Raggiungere gli obiettivi di crescita, sia mentali che tecnici, stagionali è fondamentale per continuare tutta la trafila fino all’esordio in Eredivisie. Tre i richiami, al ragazzo e alla famiglia, dopo di che si è fuori dall’Ajax.

Non idoneo con la filosofia del club.

 

Il lavoro dei lancieri nello specifico.

I criteri di selezione: l’età (6-7-anni) e la voglia che hanno i bambini di essere lì a giocare a pallone. Gli osservatori cercano talenti nelle aree limitrofe di Amsterdam. Raramente escono dalla città, l’intento è di valorizzare il talento locale.

 

200 giocatori all’interno del settore giovanile, dai 7 ai 19 anni. Di questi quasi 30 giovani calciatori vengono scartati ogni anno (i famosi obiettivi stagionali) e sostituti dai nuovi entrati. Il settore giovanile viene gestito per quello che è: un business. Giovani calciatori vengono allenati, cresciuti e protetti. Per poi essere rivenduti ai più importanti club europei, per sostenere economicamente il settore giovanile, il club e tutto ciò che fa parte dell’Ajax.


 

Il sistema Ajax nel pratico.

la squadra di Amsterdam è dotata di una flotta di flotta di pullman che prende i ragazzi a scuola e li porta nelle strutture del club. I genitori sborsano una quota minima di 100€ per la scuola calcio, al resto pensa il club (dal materiale, ai viaggi).

Finiti gli allenamenti ogni calciatore viene riportato a cas-

Il lavoro fatto nell’Academy è programmato fino al minimo dettaglio ed è molto impegnativo.

L’obiettivo è di formare un calciatore tecnico, in grado di giocare in ogni posizione del campo, in grado di saper affrontare ogni situazione, in base alle necessità, in modo da ridurre il divario tra le giovanili e la prima squadra.

 

Astio Ciarlatani

@AstioCiarlatani

 

Tutte le informazioni sulle giovanili dell’Ajax sono state reperite attraverso ricerche su internet.

 

 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout