Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

PSICOLOGIA : Calcio e Disabilità Intellettiva e dello Sviluppo

10 Febbraio 2016

Calcio e Disabilità Intellettiva e dello Sviluppo: strategie per un apprendimento efficace

Verranno riportate alcune disabilità con relative caratteristiche e la strategia di allenamento appropriata al fine di un apprendimento efficiente ed efficace. Queste strategie sono indicate nel sito degli Special Olimpics 

http://www.specialolympics.org/Common/Special_Olympics_A_to_Z.aspx?aspxerrorpath=/figureskating.Aspx

ossia l’associazione sportiva internazionale che organizza una manifestazione multisportiva per gli atleti con disabilità intellettiva.

 

Disabilità   --- >Caratteristiche  -->  Strategie per unapprendimento efficace

Ritardo Mentale
(Generale)

• L'elaborazione delle informazioni e l'apprendimento avvengono con un ritmo lento
• Difficoltà nel mantenere l'attenzione

Lezioni brevi
• Ripetere l'indicazione
• Parlare in forma concreta

Autismo

• Deficit socio-comunicativo
• Interessi ristretti e comportamenti ripetitivi

Stabilire una routine
• Creare un ambiente ad hoc (senza distrazioni)

X Fragile

• Viso stretto e allungato
• Difficoltà coordinative
• Impulsivi
• Difficoltà a mantenere l'attenzione

Preparare attività strutturate e prevedibili
• Utilizzare stimolazioni visive
• Stabilire una routine

Sindrome di Down

• Causa genetica
• Indebolimento vertebrale circa nel 10% dei casi
• Ritardo mentale

Stabilire limiti ed aspettative
• Usare il contatto oculare quando si parla
• Ripetere l'indicazione
• Mostrare l'esercizio

Ipovedenti/Non vedenti

• Usare molto le parole

• Dare un feedback preciso sull'azione

• Tenerli per mano quando svolgono l'esercizio
(soprattutto all'inizio)

Sordità

• Stabilire un contatto oculare quando si parla

• Lingua dei segni

• Mostrare l'esercizio

 

Le strategie riportate sono indicative, infatti bisogna sempre considerare le caratteristiche personali del soggetto e proporre una strategia ad hoc, tenendo in considerazione le informazioni riportate dai genitori, dagli educatori ecc.

 

Sitografia

http://www.specialolympics.org/Common/Special_Olympics_A_to_Z.aspx?aspxerrorpath=/figureskating.Aspx

 

Cavallone Monica Psicologa e consulente in Psicologia dello Sport collaboratrice di Ment&Sport (www.mentesport.net).                                       
E-mail: 11031988@tiscali.it

 

 

 

Gallery: 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare:

Promuovi la tua attività su CalcioScout

Dal blog di CalcioScout