Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

GLI ESPORTS - Un Nuovo campionato di calcio

25 Febbraio 2020

Avete per caso sentito parlare del nuovo campionato di eSerie A? Dei team eSport delle squadre professionistiche e della nazionale italiana?

Ebbene sì, lo sport sta cambiando. Anzi ne è nato uno nuovo e si sta sviluppando in maniera considerevole in tutto il globo.

Ad oggi in Italia sono coinvolti oltre un milione e duecento mila persone dai 16 ai 40 anni; nel mondo il 32% della popolazione gioca ai videogames.

È chiaro quindi come si tratti di un fenomeno importante e del quale tener conto, indipendentemente dal considerarlo o no uno sport a tutti gli effetti.

Ma cosa sono realmente gli eSport?

Si tratta di giochi in cui è presente la competizione che è alla base di qualsiasi sport, questa infatti anima le squadre, gli atleti e le tifoserie. Gli eSport coinvolgono più giocatori attivi capaci di creare audience e far sviluppare delle vere e proprie community nelle quali emerge l’importanza dell’opinione dei giocatori.

Tra i vari giochi praticati vi è ovviamente anche il calcio ed è per questo che anche le squadre delle nostre leghe professionistiche si stanno adoperando al fine di costituire il proprio team e partecipare quindi al campionato.

Gli eSport calcistici rappresentano un percorso semplificato per le squadre bramose di spettatori per raggiungere questo nuovo target di pubblico giovane. Le varie serie competitive di FIFA, uno dei simulatori calcistici più popolari, sono state un modo semplice per i team di entrare negli eSport.

Tuttavia, ci sono squadre di calcio che non limitano la loro presenza negli eSports ai videogiochi di calcio.

La loro strategia va ben oltre perché i videogiochi legati al calcio non sono i più grandi o i più seguiti: FIFA non è nemmeno nella top 10, che vede League of Legends, Fortnite, CS: GO, Dota2 e Overwatch a farla da padroni. Dietro ciò vi è il desiderio da parte dei club di posizionare il brand a livello globale comprendendo squadre che gareggiano in vari giochi.

Ovviamente più saranno le squadre coinvolte più sarà probabile vincere e attrarre giovani spettatori al fine di farli diventare dei clienti fedeli.

Dall’entrata nel mondo eSport, cosi come la tendenza verso i nuovi stadi ricchi di esperienze per il tifoso, emerge il fatto di come le singole società stiano cambiando il proprio modello di business più rivolto verso forme d’intrattenimento: quale sarà il prossimo passo?

Mariano Angelico

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: