Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Gabigol, l'eroe di un solo mondo

27 Novembre 2019

Nessuno è profeta in patria. Nessuno tranne Gabigol. Sì, perché l’ex meteora nerazzurra è diventata una stella nel cielo del suo Brasile. Sarà l’aria di casa, ma il giovane attaccante con la maglia del Flamengo sta facendo cose impensabili, a tal punto che più di un tifoso nerazzurro si sta chiedendo se quello lì è lo stesso dell’Inter. Parrebbe essere lo stesso ragazzo, ma sicuramente non lo stesso giocatore: quello inconcludente e impaurito di tre anni fa è solamente un lontano ricordo sul suolo carioca.

Da quando è di nuovo in Brasile, infatti, Gabigol ha iniziato a giocare su livelli eccezionali e con la maglia rubonegra si è completamente trasformato, segnare ad un ritmo incredibile: 40 gol in 54 partite, che hanno trascinato la squadra di Jorge Jesus alla vittoria del campionato e, soprattutto, della Copa Libertadores dopo 38 anni di astinenza. Insomma a Rio De Janeiro sta mostrando quelle cose i tifosi interisti si aspettavano di vedere a Milano e che, invece, non hanno mai visto.

Eppure il suo acquisto fu celebrato come l’inizio di una nuova era nerazzurra. Pagato 30 milioni, venne presentato in pompa magna, una sontuosa cerimonia che sarebbe stata troppo anche per un grande giocatore, figuriamoci per un ventenne appena giunto dal Brasile. Quella, invece, fu l’inizio della fine. Il brasiliano, infatti, non dimostrò il suo vero talento, senza mai riuscire ad entrare realmente nel progetto nerazzurro, né con De Boer né con Pioli.

Nell’anno interista si ricordano solamente un’inutile rabona nell’esordio a San Siro e il suo primo (e unico) gol a Bologna, lo stesso stadio in cui anche Ronaldo il Fenomeno segnò per la prima volta con la maglia dell’Inter. Sembrava poter essere la svolta, invece fu solo un lampo di luce che non si ripeté più.

Dopo sei mesi in prestito al Benfica, Gabigol nel gennaio 2018 tornò nel suo amato Brasile in mezzo alla sua gente. Prima al Santos, dove indossò addirittura la 10 di Pelé, poi la definita esplosione al Flamengo.

E ora arriva il dilemma: che cosa deve fare l’Inter? Barbosa, infatti, è ancora sotto contratto con i nerazzurri, che stanno riflettendo sul da farsi. Difficilmente, però, il brasiliano vestirà ancora la maglia nerazzurra, anche se sono sempre di più i tifosi che gli vorrebbero dare un’altra possibilità. Sul suo futuro, però, c’è un bel punto di domanda. Gabigol potrebbe restare in Brasile, ma potrebbe avere delle pretendenti anche in Europa, che comunque dovranno sborsare almeno 35 milioni di euro. Sempre, però, se l’Inter non decidesse all’ultimo di tenerlo oppure inserirlo in una trattativa, come, notizia delle ultime ore, quella che vedrebbe, già a gennaio, Chiesa in nerazzurro e Gabigol alla Fiorentina.

Straordinaria stagione di Gabigol al Flamengo, nei panni dell’Inter, cosa faresti?
Rispondi al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso
@abonstweet

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: