Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Roy Keane a gamba tesa sul fair play tra avversari

23 Ottobre 2019

Roy Keane ha avuto una carriera gloriosa grazie alla sua personalità. La leggenda del Manchester United si è costruito un’immagine da dure che neanche una volta appesi gli scarpini al muro qualcuno è riuscito a scalfire.

E da giocatore come da opinionista il buon Roy non le manda a dire. Commentando per Sky Sports il pareggio per 1 a 1 tra lo United e il Liverpool, l’ex Red Devils, che di derby d’Inghilterra ne ha giocati parecchi e sa cosa significa questa sfida, ha sottolineato il suo disappunto per l’eccessivo fair play tra i giocatori.

“Scene come quelle viste all'inizio mi disgustano (Alisson e De Gea si sono dati la mano, i connazionali Fabinho, Firmino e Andreas Pereira si sono abbracciati, ndr). Stanno andando in guerra e si baciano e si abbracciano - ha proseguito Keane - Non posso vedere immagini simili. Ripeto, stanno andando in guerra e si baciano e si abbracciano. L’avversario non andrebbe nemmeno guardato, stai per iniziare una battaglia in campo. Non è cambiato il calcio, sono cambiati i giocatori. Si baciano e abbracciano prima di combattersi e dopo la partita chattano tra di loro”.

Una considerazione che qualche anno aveva già fatto un altro ex Red Devils, Gary Neville. In occasione di Arsenal-United. Neville ha confrontato l'atmosfera e la tensione che anni fa si respirava nel tunnel prima delle partite tra Gunners e Red Devils con le scene immortalate ieri dalle telecamere di Sky Sports. Gli abbracci e le strette di mano tra David De Gea e Peter Cech, le risate di Nacho Monreal e Ander Herrera, le strette di mano tra Cech e Josè Mourinho, suo ex allenatore: immagini impossibili da vedere solo poche stagioni fa.

“Scusate, guardate Monreal - disse al Daily Mail - sembra che stia andando a un battesimo, non che stia per giocare una delle partite più importanti della stagione. Non posso nemmeno immaginare Martin Keown atteggiarsi così nel tunnel di Highbury. Quanto sia cambiato questo sport è incredibile. Al bar ci si ritrova dopo, prima c'è una partita da giocare".

Ovviamente queste sono opinioni legate a valori che con il passare del tempo sono cambiati e il calcio di oggi è fatto più di baci e abbracci che di spintoni e muso a muso. La critica di Keane e Neville rimane comunque fondata: prima di entrare in campo tanti giocatori si salutano affettuosamente, come se non fossero avversari, come se non sentissero l’adrenalina.

O semplicemente questo è un altro calcio.

Roy Keane: “Troppo fair play tra avversari prima di entrare in campo”. Siete d’accordo?
Rispondete al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: