Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Juve: una splendida rosa con qualche spina

05 Settembre 2019

Dopo la prima giornata con il Parma, i media hanno esaltato la lunghezza della rosa della Juventus, sostenendo che Sarri ha a disposizione addirittura due squadre che potrebbero vincere lo Scudetto.

Bene, dopo questi proclami iniziali, si è arrivato alla compilazione della lista Champions, lista che ha visto due esclusioni eccellenti: Mario Manduzkic e Emre Can. Una volta ricevuta la notizia, il tedesco non si è fatto problemi a manifestare tutto il suo disappunto: “Non so darmi una spiegazione. Ho ricevuto una chiamata da un membro dello staff che non è durata nemmeno 60’. È una delusione enorme, voglio giocare la Champions”. Invece, almeno fino a gennaio, l’ex Liverpool guarderà i propri compagni dalla tribuna.

Poche ore dopo, però, Emre Can ha fatto marcia indietro, forse “consigliato” dalla stessa società bianconera: “Sarò sempre grato alla Juve e al modo in cui mi ha sostenuto e apportato. Per rispetto della Juve e dei miei compagni, il cui successo è sempre stata la mia priorità, non dirà nient’altro e continuerò a lottare sul campo”.

Ma le due esclusioni hanno ulteriormente allargato la crepa tra Sarri e la dirigenza. Secondo il Corriere dello Sport, infatti, Maurizio Sarri ha avuto un acceso confronto con Fabio Paratici perché si aspettava uno sfoltimento della rosa che non è arrivato. Già in estate il tecnico bianconero aveva segnalato che 28 calciatori erano troppi per fare una serena rotazione, ma la Juve alla fine non è riuscita a venderli e l’ex allenatore del Napoli, messo alle corde, si è comportato di conseguenza.

Ora però si trova con due pezzi grossi fuori dalla lista Champions e non proprio al settimo cielo. Certo, i nomi di Mandzukic e Can sono stati tra i più caldi nel corso del calciomercato, strano che nessuno gli abbia detto “guarda che rischi di stare fuori dall’Europa”. Fosse andata così, magari il tedesco avrebbe accettato qualche offerta, mentre sul croato, invece, ci sono più dubbi. Mandzukic, infatti, non ha fatto alcuna dichiarazione e sembra già consapevole che per lui sarà un anno da comprimario in cui il campo lo vedrà poco o nulla. Tanto i soldi li prende lo stesso.

Il vero problema lo avrà Sarri, che non ama il turnover e che si ritrova a gestire 28 giocatori, tutti di prim’ordine. Tre competizioni sono tante, è vero, ma una rosa così lunga da vantaggio può rapidamente trasformarsi in un bel grattacapo. E non basterà condividere una sigaretta per portare il buon umore nello spogliatoio.

Con il tempo, una rosa molto lunga è un vantaggio o diventa un problema?
Rispondete al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso
@abonstweeet

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: