Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Basta con questo calciomercato infinito

21 Agosto 2019

Sabato inizia la Serie A, lunedì finisce il calciomercato. No, non quello della prossima settimana, bensì il 2 settembre. In altre parole, mancano ancora circa due settimane alla chiusura del mercato estivo, un mercato lungo ed estenuante. Per tutti: società, allenatori, giocatori e tifosi.

Giocare con il mercato aperto significa per alcuni calciatori essere in campo fisicamente, ma con la testa all’imminente futuro. Stesso discorso per un allenatore, che lavora su un determinato gruppo e rischia di vederselo cambiare quando le cose sono già iniziate. Che senso ha tutto ciò?

Bisognerebbe chiederlo alla Lega Calcio, colpevole di questa decisione scellerata a maggio. E pensare che un anno fa, il mercato finiva il giorno prima dell’inizio del campionato. Evidentemente si sono accorti di aver fatto finalmente qualcosa di buono e quindi sono tornati indietro.

In Inghilterra, per dire, è già finito, ma sappiamo che gli inglesi, da questo punto di vista, sono avanti anni luce. 

Eppure anche in Italia tanti addetti ai lavori hanno criticato questo calciomercato eterno, a partire dal ct della Nazionale Roberto Mancini: "Se la stagione inizia a luglio e il mercato finisce all’inizio di settembre, per un allenatore è un casino: aspetti giocatori, mentre ne fai giocare uno te ne arriva un altro, e magari quello se ne va. In Inghilterra sono più pratici”. Dello stesso parere Giampiero Gasperini, tecnico dell’Atalanta: “Il mercato da tre mesi è un baraccone, date sballate: tutti parlano, nessuno fa niente. Gli inglesi, che ragionano per calcio e non per cinema, iniziano la Premier nello stesso giorno in cui chiudono il mercato: sono essenziali, noi si fa tutto negli ultimi 15 giorni” e Igori Tudor, dell’Udinese: “Tutti penso siano d'accordo che sia una pazzia che non si sia già chiuso il calciomercato. Turba non solo l'allenatore, ma anche i giocatori. Tutti sanno che è una delle più grandi stupidaggini che esistano”.

Tutti lo dicono, tutti lo pensano, ma com’è che sabato inizia la Serie A e il 2 settembre finisce il mercato? 

 

Mercato troppo lungo?
Rispondete al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso
@abonstweet

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: