Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Cos’è l’ECA?

27 Luglio 2019

È l’Associazione dei Club Europei (European Club Association), l’organismo che rappresenta le società di calcio in Europa, nato ufficialmente il 21 gennaio 2008 in seguito al discioglimento del G-14 e riconosciuto da Fifa e Uefa. Sedici sono i membri fondatori: Manchester United, Chelsea, Real Madrid, Barcellona, Juventus, Milan, Bayern Monaco, Porto, Ajax, Glasgow Rangers, Anderlecht, Olympiacos, Copenaghen, Dinamo Zagabria e Birkikara (Malta). Il contingente di squadre coinvolte si è poi allargato fino a raggiungere, oggi, un totale di 220 società membri dell’ECA, di cui 106 membri ordinari e 114 membri associati. Per restare all’Italia, sono membri ordinari Milan, Juve, Inter e Napoli, associati Fiorentina, Roma, Udinese e Sampdoria.

Che cos’è l’ECA, la mappa dei club membri

Presidente dell’ECA è Karl-Heinz Rummenigge (eletto lo scorso settembre), i vice-presidenti Gandini (Milan), Jimenez (Real Madrid) e Giner (Cska Mosca), mentre fanno parte del comitato esecutivo Gazidi (Arsenal FC), Woodward (Manchester United), Bartomeu (Barcellona), Aulas (Lione), Van der Sar (Ajax), Verschueren (Anderlecht), Giannikos (Olympiacos), Mioduski (Legia Varsavia), Lawwell (Celtic Glasgow), Riihilahti (Helsinki) e Andrea Agnelli (Juventus).

Cosa fa, però, questa ECA? L’organismo europeo “esiste per proteggere e promuovere il calcio europeo per club”, si legge sul sito. Lo scopo, quindi, è quello di rappresentare al meglio le società, creando un “modello di governo calcistico più democratico, che rispecchi il ruolo chiave dei club” anche nei confronti di Fifa e Uefa. Alcune delle battaglie che l’ECA ha combattuto e combatte tutt’ora riguardando, ad esempio, lo studio di calendari delle competizioni internazionali, l’assicurazione sui giocatori (in caso di infortuni in nazionale) e la suddivisione degli introiti ai club che “concedono” i calciatori alle rispettive squadre nazionali (Juve e Napoli, ad esempio, ricevettero un milione di dollari ciascuna per l’utilizzo dei giocatori ai Mondiali 2014).

C.S.

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: