Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

UN CALCIO ALLA FINANZA

25 Aprile 2019

Il Sassuolo ha chiuso 31 dicembre 2018 con un utile pari a 8,1 milioni di euro, con + 4,08 milioni rispetto all’esercizio 2017.

Tra le voci determinati troviamo i diritti tv (33,8 milioni di euro), le plusvalenze (30,3 milioni) e le sponsorizzazioni (19,3 milioni di euro), voci in aumento rispetto all’esercizio precedente.

Fondamentali sono stati anche gli investimenti da parte di Mapei, che ha versato nelle casse del Sassuolo 23 milioni di euro tra sponsorizzazione (18 milioni) e proventi pubblicitari (5 milioni), pari al 31% del fatturato netto (escluse le entrate da player trading).

Come abbiamo accennato in precedenza le plusvalenze, hanno contribuito al raggiungimento del traguardo finanziario, grazie alle cessioni di Acerbi alla Lazio (9,2 milioni di plusvalenza), Falcinelli al Bologna (6,9 milioni) e Defrel alla Roma (14,1 milioni), per un totale di 30,3 milioni.

Oltre ai ricavi, nel 2018 sono aumentati anche i costi per i neroverdi: la cifra infatti è salita a 93,3 milioni nel 2018, con una differenza tra valore e costi della produzione positiva per 13,8 milioni.

Tra questi vanno menzionati i costi del personale, pari 46,5 milioni di euro (45,7 nel 2017).

A cura di Raffaele Rondinone (Football Financial Analyst)

fonte immagine sassuolocalcio.it

 

 

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: