Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

Mauro e quel rapporto Inter-rotto

20 Febbraio 2019

Icardi o non Icardi? Questo è il problema. O meglio, sembrerebbe esserlo. Perché in casa Inter non si fa che parlare dell’ormai ex capitano ora separato in casa. Se ne parla talmente tanto che gli ultimi risultati positivi dei nerazzurri sono passati in secondo piano: insomma, il fuori campo ha superato il campo. Tutto è scoppiato nel momento in cui la società ha deciso di togliere la fascia di capitano ad Icardi, stanca degli atteggiamenti suoi e della moglie-agente Wanda Nara. Ed è proprio quest’ultima la vera protagonista di questa vicenda, che in un modo o nell’altro riesce sempre ad ottenere quello che vuole: essere al centro dell’attenzione.

Lo ha sempre fatto, fin dai tempi in cui era legata a Maxi Lopez. Poi la separazione e l’inizio della relazione con Maurito, relazione che ha portato al matrimonio e alla nascita di due splendide bambine. Una storia d’amore raccontata sempre sotto la luce dei riflettori o sui social. Ma il rapporto tra Icardi e la Nara ha superato i confini coniugali diventando anche lavorativo, perché Wandita ormai da qualche anno gestisce anche gli interessi del suo amato. E, puntando i piedi per terra, è sempre riuscita ad ottenere il massimo, arrivando anche a minacciare l’addio di Mauro dall’Inter.

Questo però succedeva prima dell’arrivo di Beppe Marotta a Milano, arrivo che ha rivoluzionato il modus operandi della società nerazzurra. Ora infatti prima viene la società e il gruppo, poi il giocatore. Ergo, Wanda e Mauro hanno trovato pane per i loro denti e nessun capriccio è più tollerato. Non ti comporti da capitano? Ti togliamo la fascia. Vuoi andare via? Portaci l’offerta giusta e quella è la porta. Ecco, ridotta all’osso, questa è la nuova filosofia interista, a dimostrare che il servilismo verso il campione di turno è ormai acqua passata. Forse si poteva gestire meglio la situazione, soprattutto per tempistiche e modalità, ma in questo periodo in cui tutto è sotto gli occhi di tutti probabilmente non c’erano alternative.

Ciò significa che tra Icardi e l’Inter è finita? C’è chi dice di sì (si parla di uno scambio con Dybala), ma c’è chi sostiene che in caso di passo indietro e scuse da parte del calciatore e della moglie tutto potrebbe sistemarsi. Perché il problema non è solo con la società, ma anche con uno spogliatoio che non vede più in Mauro il leader che può condurre la squadra alla vittoria. C’è un rapporto inclinato, se non già fratturato: se però da tutte le parti c’è la volontà di ricucirlo, si può fare. Se qualcuno non è d’accordo, Icardi in primis, la questione verrà affrontata a giugno. 

Intanto c’è ancora una stagione da finire, un terzo posto da conquistare e un’Europa League da provare a vincere. Con o senza Maurito.

Caso Icardi-Inter: da che parte state?
Rispondete al nuovo sondaggio di CalcioScout, possono farlo tutti gli iscritti.

Andrea Bonso
@abonstweet

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: