Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

United Ole

11 Febbraio 2019

31 punti raccolti sui 33 disponibili, 10 vittorie e 1 pareggio: è questo il ruolino di marcia tenuto dal Manchester United da quando in panchina è subentrato Ole Gunnar Solskjaer. Un gruppo che ha ritrovato quella serenità sconosciuta durante il triennio targato Mourinho.

L'approdo sulla panchina dei Red Devils del tecnico norvegese ha rappresentato un vero e proprio toccasana per i due principali talenti di Old Trafford: Marcus Rashford e quel Paul Pogba che, allo United, non aveva ancora convinto fino in fondo. L'attaccante inglese è stato nominato 'Giocatore del mese' per il mese di gennaio. Dall'arrivo di Solskjaer, Rashford ha messo a segno 6 gol e fornito 2 assist, scavalcando nelle gerarchie dello United Romelu Lukaku. Addirittura meglio ha fatto Paul Pogba. L'ex Juventus è letteralmente un altro giocatore rispetto a quello visto sotto la guida dello Special One: il francese ha registrato 8 gol e 5 assist. Sempre titolare, solo 15' di riposo concessigli dal tecnico norvegese in vista dell'andata degli ottavi di Champions League di martedì.

Il cambio di guardia in panchina ha ridato slancio ad un gruppo che, sotto la guida di Mourinho, aveva deluso. Giocatori come Martial e Pogba stanno finalmente rendendo all'altezza delle aspettative. Lindelof e Diogo Dalot, da oggetti misteriosi con Mourinho, hanno migliorato il loro rendimento con Solskjaer in panchina. L'intero ambiente United sembra aver tratto beneficio dal cambio d'allenatore.

I Red Devils non potevano ambire ad uno stato di forma migliore di quello attuale per arrivare alla sfida contro il PSG. Per il tecnico ad interim norvegese, non poteva esserci percorso di avvicinamento migliore. La gara d'andata contro i francesi rappresenta il primo vero test dell'esperienza Solskjaer sulla panchina dello United: fino ad ora, questo Manchester United sa solo vincere (o quasi). A Parigi, nel weekend, Edinson Cavani è uscito all'intervallo ed è in forte dubbio. Neymar non ci sarà. Tutt'altro che sonni tranquilli...

Gianmarco Saccon

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: