Sei un dilettante o un professionista del mondo del calcio?

Registrati gratuitamente nel nuovo social network dedicato ai protagonisti del calcio e connettiti con compagni, allenatori, dirigenti, tecnici e preparatori atletici, contattali e scopri nuovi talenti grazie alla funzione di Scouting, segui i loro aggiornamenti e quelli delle tue società preferite.

Amministra gratuitamente le informazioni e news della tua società, rilascia comunicati e condividi foto e video.

Iscriviti ora

"CalcioScout e non solo...", Superscommesse intervista il nostro Andrea Bonso

09 Gennaio 2019

Intervistato dal sito www.superscommesse.it, Andrea Bonso, giornalista di CalcioScout, ha parlato di come è nato il social del mondo del calcio, dei suoi inizi e, inoltre, ha condiviso il suo punto di vista su calcio italiano, Premier e Champions League.

Buongiorno Andrea, come e quando nasce CalcioScout?

CalcioScout nasce nel 2013, grazie alla geniale intuizione di Michele Luise. Il sito viene concepito fin da subito come il social network del mondo del calcio, una sorta di LinkedIn che permettesse di collegare tutti i protagonisti di questo sport, dai calciatori ai tifosi, passando per allenatori, osservatori e via dicendo. Con il passare del tempo, CalcioScout è cresciuto non solo sotto il profilo degli iscritti (10k sulla piattaforma, oltre 5k sui social – FB, TW e YT), ma anche per qualità del servizio. Oltre alla funzione Scouting, che permette alle squadre di trovare il calciatore adatto alle proprie esigenze, c'è un blog sempre aggiornato con le ultime notizie, con consigli di esperti, interviste e video. Infine c'è una sorta di parte ludica, con la schedina e il sondaggio settimanale. Io sono entrato a far parte del team nel 2014 e in questi quattro anni ho curato soprattutto la parte editoriale.

Come nasce la sua passione per il calcio?
La mia passione per il calcio nasce nella culla, o addirittura prima. Sono cresciuto in una casa in cui respirava pallone e fin da piccolo il calcio ha fatto parte della mia vita. Lo confermano le foto in cui io, a cinque mesi, ero già in braccio ai giocatori dell'Inter in ritiro a Pinzolo nel 1994. Questa passione è aumentata sempre di più (ho anche giocato per quindici anni) e ho sempre cercato di coltivarla, leggendo, studiando e guardando molte, forse troppe, partite. Oggi, oltre a curare la parte editoriale di CalcioScout, sono anche un collaboratore della redazione sportiva de “il Giornale”, dove scrivo proprio di calcio.

Quali sono le fonti maggiormente utilizzate per creare un sito come il vostro?
Se come fonti intende le fonti delle notizie del blog, cerchiamo spesso di evitare la notizia mainstream, quella che comunque si può leggere in qualsiasi sito sportivo, ma puntiamo a notizie d'elite, notizie curiose di realtà che magari non si conosco a fondo. Per questo, su CalcioScout potrete leggere, oltre ad vari approfondimenti sul calcio a 11, anche di calcio femminile, futsal, beach soccer. Quando siamo alla ricerca di notizie, andiamo spesso sui siti stranieri: non serve chissaché, infatti, per trovare una notizia interessante: basta saperla cercare.

Quali sono le notizie preferite dai lettori?
Sono due le tipologie di notizie che hanno maggiore successo. Nella prima tipologia troviamo quelle notizie che scavano e danno al lettore un qualcosa in più, rispondendo anche a domande banali come, ad esempio, quanto guadagna un arbitro. Nel secondo caso, invece, abbiamo notato come creino molto engagement quelle notizie che riportano le parole di addetti ai lavori (calciatori, allenatori, giornalisti) che raccontano, senza peli sulla lingua, qual è la situazione del nostro calcio.

Il campionato italiano è ancora uno dei più affascinanti?
Senza dubbio, anche se ora come ora c'è una squadra che ne sta giocando uno a parte. Quello che invece vede protagoniste le altre 19 sì, è ancora affascinante. Il rischio è che la Serie A si “francesizzi”, ovvero che diventi come il campionato francese, dove il PSG domina e le vince tutte. Quest'anno la Juve difficilmente perderà il titolo, mi auguro però che l'anno prossimo sia l'anno giusto per un campionato veramente competitivo. Per quanto riguarda la Nazionale, Mancini sta indubbiamente facendo un buon lavoro, ma è palese che la materia prima non sia di livello altissimo e, quindi, la strada verso la rinascita è ancora lunga. Tranne rarissimi casi, di giovani forti forti come ce ne sono all'estero (e non parlo di Mbappe, che è un caso a parte), qui da noi, ahimé, fatico a vederne.

Il calcio inglese è sempre seguitissimo, può farci qualche previsione su chi si aggiudicherà la Premier League?
Direi che sarà una lotta a due tra City e Liverpool, con la squadra di Guardiola leggermente favorita. Molto dipenderà però dagli scontri diretti, che l'anno scorso hanno sempre visto vincere Kloop... Sarri sta invece facendo un lavoro grandioso, ma difficilmente riuscirà a conquistare il titolo: già il terzo posto, a mio parere, sarebbe uno splendido risultato, alla luce del fatto che è alla prima stagione inglese e il suo restilying al calcio anglosassone è appena iniziato. Sono molto contento, invece, di rivedere l'Arsenal ai piani alti della classifica: dopo un avvio incerto, Emery ha trovato la giusta quadratura e i Gunners stanno disputando un ottimo calcio. Chiudo con una battuta sul Manchester United. Mourinho è un fenomeno a tirare fuori il meglio dai propri giocatori, ma la squadra già di suo deve essere forte e al top della condizione, vedi soprattutto Chelsea e Inter. Questo United non lo è e quindi anche un tecnico come lo Special One va in preoccupante difficoltà.

E infine, chi secondo lei chi alzerà la coppa della Champions League?
La favorita numero uno alla vittoria della Champions League 2018/2019 non può che essere la Juve, perché alla squadra già fortissima dello scorso anno ha aggiunto Cancelo e Cristiano Ronaldo, uno dei due giocatori più forti al mondo. Subito dietro vedo Manchester City (ma occhio alla poca esperienza a livello europeo, come ha ricordato lo stesso Guardiola), Barcellona, Liverpool e Psg. Non bisogna poi dimenticare Real e Bayern, che ora sono in crisi, ma rimangono grandissime squadre.

Qui il link all'intervista

Cerca nel blog

Ti potrebbe interessare: